top of page
  • eventi2012

Ribelli o fanulloni?


Faccio parte di molti team: mi sto convincendo che un buon mix di personalità, rendono vincente ed entusiasmante lavorare insieme.


Uno dei tipi che mi affascinano di più sono i Ribelli.

Soprattutto dopo aver letto qualche anno fa il

Libro di Francesca Gino “Talento Ribelle”


È ovvio che le categorie non sono così rigide, peró ho individuato alcuni tratti comuni:

* Danno un alto valore alla libertà, alla scelta, all'espressione di sé e all'autenticità; possono fare tutto ciò che vogliono fare.

* Se qualcuno chiede o dice loro di fare qualcosa, è probabile che resistano.

* Possono scegliere di agire spinti da un senso di missione o credere in una causa.

* Vogliono fare il proprio lavoro a modo loro, con i loro tempi, e non rispondono bene a supervisione, consigli, promemoria o indicazioni.

* Resistono alla routine, agli orari e alle attività ripetitive.

* Possono agire come se le regole ordinarie non si applicassero a loro; questo può essere un vantaggio, ad esempio, nelle vendite.

* Sono spesso irrequieti e possono avere difficoltà a stabilirsi in un lavoro o in un ufficio particolare.

* Forse sorprendentemente, alcuni ribelli sono attratti da professioni altamente regolamentate: aziende con molte regole.

Per ispirare un Ribelle ad agire, è più efficace fare appello alla sua identità o usare informazione-conseguenza-scelta .


Il rischio per i “ribelli” è rimanere prigioniero della sua ribellione contro tutto e contro tutti e delle sue regole.


Veloci, proattivi, spesso mancano l’obiettivo per mancanza di costanza.


Hai mai assunto un “ribelle” o hai preferito licenziarlo appena scoperto?

Comments


bottom of page